Caro energia, emergenza per le imprese piacentine che pensano allo stop. Samuelli (Confesercenti): “Realtà storiche pronte a chiudere finché le cose non si sistemano” – AUDIO

Acquisti natalizi online, Samuelli (Confesercenti Piacenza): “Servono regole certe, c’è  rischio di desertificazione delle città. Va cambiata la collocazione dei saldi” - AUDIO
Piacenza 24 WhatsApp

Caro energia, emergenza per le imprese piacentine che pensano a uno stop temporaneo. Lo ha detto a Radio Sound Fabrizio Samuelli, direttore di Confesercenti Piacenza a Radio Sound.

E’ grave vedere aziende da lungo tempo a Piacenza, in condizione anche di mantenersi, costrette all’angolo. Per tenere botta stanno pensando di far passare la nottata, eventualmente tenendo chiusa l’attività per alcuni mesi, sperando poi che le cose possano sistemarsi strada facendo. Questo è veramente grave perché è un sintomo non solo di grande difficoltà, ma anche di pessimismo.

Soluzioni possibili?

Le abbiamo segnalate anche durante la campagna elettorale. Questa cosa va presa in mano da subito! Noi ci aspettavamo provvedimenti prima dell’inizio del lungo percorso per la creazione del nuovo esecutivo. Ad esempio abbiamo auspicato l’immediata applicazione di una tassazione dell’Iva al 4% sulle bollette. Purtroppo non siamo stati ascoltati e anche le ultime sono arrivate con l’Iva al 22%. Serve liquidità, non credito d’imposta. 

Caro energia, emergenza per le imprese piacentine – AUDIO INTERVISTA a Fabrizio Samuelli, direttore di Confesercenti Piacenza

Radio Sound
blank blank