L’impatto del Covid-19: 2.090 residenti in meno in provincia di Piacenza – AUDIO

L’impatto del Covid-19: 2.090 residenti in meno in provincia di Piacenza - AUDIO

L’Ufficio Statistica dell’Amministrazione Provinciale pubblica qui i dati (provvisori) al 31.12.2020 della popolazione nei comuni piacentini, così come risultano dalle liste anagrafiche comunali (LAC) elaborate per la rilevazione della Regione Emilia-Romagna. Si tratta di dati – come sappiamo – fortemente influenzati dall’epidemia di Covid-19 sviluppatasi a partire dal mese di marzo dello scorso anno, e che ha determinato un incremento notevolissimo dei tassi di mortalità (oltre che una riduzione della natalità e della migratorietà). Secondo la rilevazione regionale, i residenti in provincia di Piacenza ammontano alla fine del 2020 complessivamente a 285.701 unità, di cui 140.067 maschi (il 49%) e 145.634 femmine (il 51%). La variazione rispetto al 2019 è negativa dello 0,7%, pari a 2.090 residenti in meno. In particolare, la popolazione maschile cala di 999 unità (-0,7%) mentre quella femminile diminuisce di 1.091 (-0,7%). Come risulta dal grafico, tale diminuzione rilevata nel 2020 è la più ampia mai registrata da 10 anni a questa parte.

blank

L’impatto del Covid-19 – AUDIO intervista a Vittorio Silva Direttore Generale della Provincia di Piacenza

L’Ufficio Statistica dell’Amministrazione Provinciale pubblica qui i dati (provvisori) al 31.12.2020 della popolazione nei comuni piacentini, così come risultano dalle liste anagrafiche comunali (LAC) elaborate per la rilevazione della Regione Emilia-Romagna. Si tratta di dati – come sappiamo – fortemente influenzati dall’epidemia di Covid-19 sviluppatasi a partire dal mese di marzo dello scorso anno, e che ha determinato un incremento notevolissimo dei tassi di mortalità (oltre che una riduzione della natalità e della migratorietà). Secondo la rilevazione regionale, i residenti in provincia di Piacenza ammontano alla fine del 2020 complessivamente a 285.701 unità, di cui 140.067 maschi (il 49%) e 145.634 femmine (il 51%). La variazione rispetto al 2019 è negativa dello 0,7%, pari a 2.090 residenti in meno. In particolare, la popolazione maschile cala di 999 unità (-0,7%) mentre quella femminile diminuisce di 1.091 (-0,7%). Come risulta dal grafico, tale diminuzione rilevata nel 2020 è la più ampia mai registrata da 10 anni a questa parte.

L’impatto del Covid-19 (più morti, meno nascite, meno migrazioni complessive) si è perciò riverberato nel 2020 soprattutto sulla componente di nazionalità italiana della popolazione piacentina, che – a differenza della componente straniera, e a causa della sua struttura molto più sbilanciata verso le classi avanzate d’età – cala a livello provinciale rispetto al 2019 dello 0,9%, 2.165 residenti in meno, proseguendo, e accelerando, nel suo trend decrescente di lungo periodo. 

Passando alle variazioni demografiche a livello comunale (si vedano i grafici e le tabelle sotto riportati), nel capoluogo Piacenza la popolazione totale è diminuita di 903 residenti (-0,9%), a causa esclusivamente dei residenti italiani che calano di 1.010 unità (-1,2%), mentre gli stranieri crescono di 107 unità (+0,5%) ed arrivano ad incidere sulla popolazione complessiva per il 20,0% (era il 19,7% un anno prima).

Dinamica demografica negativa anche per Castel San Giovanni, il comune contraddistinto dalla maggior quota di stranieri della provincia (il 23% dei residenti totali), che registra un -0,7% per la popolazione complessiva (-93 unità), ed un -0,1% per quella non italiana (-4 unità). Si riduce la popolazione anche a Fiorenzuola (-0,6%, 114 abitanti in meno), specialmente a seguito della contrazione degli stranieri (-1,8%), che adesso incidono sul totale per il 17,2%. Rottofreno infine, l’altro comune al di sopra dei 10mila abitanti, è invece l’unico dei grandi centri urbani piacentini a mostrare una crescita – seppur lieve – dei residenti (+0,1%), grazie all’evoluzione positiva della componente straniera della popolazione (+1,6%). 

Tra gli ambiti comunali di fascia demografica minore, emerge in territorio montano lo sviluppo del comune di Ottone (+1,1%) e la sostanziale tenuta del comune di Coli in Val Trebbia, all’interno comunque di una dinamica complessiva negativa delle aree appenniniche (182 abitanti in meno rispetto al 2019, -1,3%); le variazioni sono qui comprese tra -0,5% in Alta Val d’Arda e -2,5% in Alta Val Nure, passando per il -0,8% dell’Alta Val Tidone e Val Luretta. Zerba, il comune più piccolo della provincia (e della regione), mantiene nel 2020 inalterato il livello di popolazione.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank