Confcommercio, torna a crescere il disagio sociale. Barbieri: “Il dato più alto da luglio 2021” – AUDIO

disagio sociale
Piacenza 24 WhatsApp

Ritorna a crescere l’indice del disagio sociale misurato da Confcommercio. Dopo un periodo di calma, preoccupa il dato registrato nel mese di gennaio 2023. Infatti si è attestato infatti su un valore stimato di 17,9, in aumento di sei decimi di punto sul mese precedente. Il peggioramento dell’indicatore è dato dallaumento del tasso di variazione dei prezzi dei beni e servizi ad alta frequenza di acquisto e di una moderata crescita della disoccupazione.

A gennaio 2023 i prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d’acquisto hanno mostrato una variazione su base annua dell’8,9%, in aumento rispetto all’8,5% del mese precedente.

E’ un indice che calcola il potere d’acquistospiega il Direttore di Confcommercio Piacenza Gian Luca Barbieri delle famiglie italiane. Questo dato si è attestato al 17,9%, è il livello più alto da luglio 2021. Da questa situazione dobbiamo anche tenere presente quanto stanno vivendo i piccoli e piccolissimi imprenditori che hanno visto ridurre moltissimi i margini di utili sui loro fatturati. Il timore è che la situazione possa peggiorare. Soprattutto se la ripresa non sarà sufficientemente robusta.

I commercianti che hanno dovuto “tenere botta” nel periodo Covid e ora devono fare lo stesso

Lo stanno facendo, direi, con una grande resilienza. Soprattutto per quanto riguarda il piccolo commercio, cercano anche di contenere l’aumento dei prezzi e rinunciando ad avere più margine di guadagno.

Confcommercio, torna a crescere il disagio sociale: AUDIO intervista a Gian Luca Barbieri

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank