Contributi CONI Regionale per l’attività giovanile: Piacenza supera Parma, Reggio e Ferrara – AUDIO

coni regionale

Sono complessivamente cinque le Associazioni sportive dilettantistiche della provincia di Piacenza, destinatarie dei contributi a fondo perduto messi a disposizione dal CONI regionale per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Si tratta di un’assegnazione straordinaria che il Comitato olimpico emiliano-romagnolo ha destinato a sostegno dell’attività giovanile.

blank

Radio Sound blank blank blank

E proprio l’attenzione per i vivai, unita ai risultati agonistici di livello nazionale ed internazionale, hanno rappresentato i principali criteri che hanno permesso alla commissione di stilare la graduatoria delle società beneficiarie dei contributi. Commissione composta dal Presidente regionale del CONI, Umberto Suprani, dal Vicepresidente vicario Giancarlo Galimberti e dalla Vicepresidente Daniela Isetti.

Agli uffici del CONI regionale – attraverso le varie Federazioni, Discipline sportive associate ed Enti di promozione sportiva – sono arrivate complessivamente 573 domande. Di queste, al termine dell’iter di valutazione compiuto dalla Commissione, ne sono state selezionate 75 tra cui, appunto, anche cinque relative a Società piacentine. Si tratta della società di kick boxing Yama Arashi, del Karate Farnesiana, del Tennistavolo Cortemaggiore, del VO2 Team Pink e dell’Atletica Piacenza.

Il fondo straordinario del CONI regionale ha una dotazione complessiva di 196.000 euro. Alla provincia di Piacenza, attraverso queste cinque Associazioni sportive, sono stati destinati contributi per 14.500 euro. Alla provincia di Parma, che ha sei Associazioni in graduatoria, sono stati destinati 14.000 euro. A quella di Reggio Emilia 8.000 euro con quattro Associazioni, la stessa cifra indirizzata anche alla provincia di Ferrara che ha invece tre Associazioni beneficiarie.  

Il commento del Delegato provinciale CONI, Robert Gionelli

“Ancora una volta lo sport giovanile piacentino sfata l’antipatico luogo comune secondo cui Piacenza sarebbe la “Cenerentola dell’Emilia-Romagna”. Campanilismi a parte, credo che il CONI abbia dato un segnale importante al mondo sportivo dilettantistico in questo difficile momento, ancora segnato dall’emergenza sanitaria dei mesi scorsi. Potendo contare su disponibilità economiche limitate, il nostro organismo regionale ha giustamente scelto di premiare quelle società sportive capaci di distinguersi per l’eccellenza dell’attività giovanile.

Non a caso, quattro delle cinque società piacentine che hanno beneficiato di questi contributi, hanno ricevuto in passato dal CONI Point Piacenza il Premio “Leonardo Garilli”. Un riconoscimento pensato per la grande attenzione indirizzata all’attività giovanile. Lo stesso criterio è stato giustamente scelto dal Piacenza Calcio per i contributi che ha destinato alle società calcistiche del nostro territorio. Credo che anche il Comune di Piacenza seguirà questa strada. Così come ho già ringraziato il Presidente Suprani e il Presidente Pighi, voglio ringraziare anche l’Assessore Stefano Cavalli e il Sindaco Patrizia Barbieri per il fondo straordinario che, su proposta del Tavolo Tecnico per lo sport, hanno deciso di stanziare a sostegno delle società giovanili piacentine”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank blank