Minaccia gli agenti di polizia locale, fermato con lo spray al peperoncino

Inveisce e minaccia gli agenti di Polizia Locale, fermato con lo spray al peperoncino. E’ accaduto nei giorni scorsi, durante l’attività di controllo volta a garantire una maggiore vivibilità nei parchi e nelle aree verdi urbane.

Una pattuglia della Polizia Locale ha effettuato un intervento presso gli Orti di via Degani; alcuni cittadini avevano segnalato infatti la presenza di persone intente a creare disturbo. Durante il controllo delle generalità di alcune persone che bivaccavano all’interno del giardino, uno di questi, un 40enne residente in provincia di Lodi, ha iniziato senza motivo a inveire contro gli agenti. Il tutto rifiutandosi di esibire un documento d’identità e rivolgendosi con tono minaccioso e intenzioni violente agli operatori di Polizia.

L’uomo, nonostante i ripetuti inviti a mantenere la distanza, si è fatto sempre più minaccioso; a quel punto un agente, per evitare che la situazione degenerasse, ha estratto e utilizzato lo spray urticante in dotazione. Al che l’uomo, pur non manifestando particolari disagi, si è tranquillizzato e si è riportato a una idonea distanza di sicurezza.

A quel punto gli agenti hanno quindi denunciato l’uomo, già con vari precedenti penali a suo carico. E’ accusato di essersi rifiutato di indicare la propria identità personale, nonché di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

“Lo spray al peperoncino che l’Amministrazione comunale nei mesi scorsi ha messo a disposizione della Polizia Locale, è un essenziale strumento di autodifesa”. Lo sottolinea l’assessore alla Sicurezza urbana, Luca Zandonella. “In questo caso lo spray d’ordinanza ha consentito di riportare alla normalità e senza danni per nessuno una situazione difficile. E’ a nostro avviso di vitale importanza investire risorse per dotare la Polizia Locale degli strumenti idonei per svolgere il proprio lavoro adeguatamente; l’acquisto e l’assegnazione degli spray urticanti va proprio in questa direzione”.