A Fiorenzuola sorgerà il parco Arda, area da 14mila metri quadrati

Un’area incolta di quattordicimila metri quadrati sarà recuperata per attuare una parte del Parco Arda. È questo l’importante risultato a cui il Sindaco di Fiorenzuola Romeo Gandolfi e la sua Giunta stanno lavorando. Il primo passo concreto, approvato nella riunione del 24 aprile, è rappresentato dall’ottenimento in comodato d’uso dell’area, da parte del privato proprietario (O.S.A. srl) il quale prossimamente lo cederà in proprietà.

Ciò consentirà all’Amministrazione di anticipare le azione di progetto. Al fine di realizzare (auspicabilmente per il prossimo anno), uno spazio verde multifunzionale. Spazio che ospiterà, per buona parte dell’area gli “Orti comunali urbani” e una parte a parco e frutteto che ospiterà 50 piante promesse dal Rotary Val d’Arda per compensare quelle abbattute dalla tromba d’aria del giugno 2017.

Agli orti, sarà affiancata un’area per un frutteto didattico, un campo giochi, un’area sgambamento cani e uno spazio attrezzato con l’accesso al Torrente Arda. I dati Istat del 2017 indicano l’Emilia Romagna come capofila del fenomeno degli “urban farmers”. La nostra città vuole contribuire ad incrementare il patrimonio verde dedicato a chi vuole impegnarsi in queste attività.

Gli “Orti urbani”, rivestono un ruolo importante non solo ambientale, grazie al recupero di aree incolte ed abbandonate. Ma prima ancora, rappresentano un’opportunità di socializzazione e aggregazione per gli abitanti che intendono contribuire ad una città più sostenibile. Un’opportunità per cogliere l’occasione, attraverso gli orti urbani e le altre funzioni “verdi” che saranno realizzate nell’area, per vivere e fare attività fisica all’aperto oltre che produrre alimenti senza l’uso di sostanze chimiche e pesticidi: il Parco Arda inizia da qui.