Sanremo 2021, le cover non sono splendide spendenti. Il racconto della terza serata del Festival

Sanremo 2021, le cover non sono splendide spendenti. Il racconto della terza serata del Festival

La serata delle cover parte con Amadeus che confonde la scaletta congedando i Negramaro dopo l’omaggio, non eccelso, al grandissimo Lucio Dalla, dimenticando il proseguimento dell’esibizione. Peccato non aver chiamato Ron o gli Stadio nel giorno del compleanno dell’eterno cantautore bolognese.

blank

Il primo passo falso sembra comunque un segno del destino pensando a quanto succederà dopo grazie a cover improponibili e duetti fiacchi dei presentatori, con Fiorello e Ibra che provocano il gelo al pubblico non presente.

Sulla serata delle cover da tempo esiste un dibattito, tra quelli che preferivano, come in passato, riascoltare le canzoni in gara con duetti o magari un diverso aggiornamento e quelli che vogliono il tuffo nel passato, non sempre riuscito, molto nazional popolare. Baglioni e Amadeus hanno scelto strade diverse, chi scrive fa fatica a capire una gara inutile, a volte orribile, su canzoni del passato. Mistero come canterebbe ancora Enrico Ruggeri. 

Le Cover

Noemi con Neffa, Prima di andare via. Voto 4

Una versione da fine serata al pub con Karaoke.

Dai social: “Io avrei abbandonato il palco con lo stile di ” Bugo”…Che vergogna!”

Fulminacci con Valerio Lundini e Roy Paci, Penso positivo. Voto 6,5

Cover convincente grazie alla tromba di Roy. Rimettono in sesto la serata dopo il disastro Neffa – Noemi ma era difficile fare peggio. 

Dai social: “Ma Fulminacci  non ride mai? Lo sa che la musica è soprattutto gioia di esprimersi?”

Francesco Renga con Casadilego, Una ragione in più. Voto 4

Come rovinare una canzone che farà per sempre parte della storia della musica italiana. Disastro. Una ragione di più per chiedersi, perché?

Dai social: “Che putiferio lasciatela cantare alla Vanoni”.

Extraliscio feat. Davide Toffolo con Peter Pichler, Medley. Voto 5,5

Felicità è un bicchiere di vino con panino alla porchetta… ricorda l’ultimo dell’anno in un film di Fantozzi con l’orchestra capace di divincolarsi tra due feste di Capodanno.

Dai social: “Più fastidiosi di un mal di testa, ma siamo alla Corrida dell’indimenticabile Corrado?

Fasma con Nesli, La fine. Voto 6

Amadeus interviene interrompendo la canzone dicendo “Scusate”, avrebbe dovuto dirlo a inizio serata mettendo le mani avanti dopo aver sentito le prove delle cover. Nesli salva la sua canzone nonostante l’autotune.

Dai social: “Che succede?”

Bugo feat. Pinguini Tattici Nucleari, Un’avventura. Voto 4

Festival delle stecche. Qualcuno dell’orchestra alla vigilia della manifestazione si era detto perplesso della serata delle cover, ma usando la parola perplesso ha dimostrato grande educazione.

Dai social: “Ma Bugo è al Festival perché avevano finito i cantanti?” 

Francesca Michielin e Fedez, Medley E allora felicità Voto 6

Compitino senza infamia e senza lode.

Dai social: “Anche senza pubblico si può chiedere il rimborso dei biglietti?”

Irama, Cyrano Voto 7

Interpretazione convincente tanto da far emergere una domanda, perché non osa un po’ di più nella scelta delle canzoni inedite smarcandosi dai soliti fastidiosi tormentoni?

Dai social: “Finalmente qualcuno che canta ed interpreta una canzone!!!”

Maneskin con Manuel Agnelli, Amandoti Voto 6,5

La canzone perde o guadagna intensità nella versione rock? Comunque bravi.

Dai social: Dopo la crisi del settimo anno, ecco quella del settantunesimo anno che si sta consumando su quel palco in questi giorni…

Random con The Kolors, Ragazzo fortunato Voto 4

Sfortunato il pubblico da casa, e le poltroncine vuote, a sentire queste cose, nemmeno ai provini di X-Factor.

Dai social: Ridateci Sanremo con il playback come negli anni 80

Willie Peyote con Samuele Bersani, Giudizi universali Voto 6,5

Bene Samuele non è una novità, trattasi di grande artista, ma chi ha scelto questa canzone per il bravo Willie dovrebbe essere sostituito subito dall’allenatore.

Dai social: Togliamo 4 big e facciamo entrare Samuele Bersani?

Orietta Berti con Le Deva, Io che amo solo te Voto 5

Perché banalizzare un’opera d’arte tra musical e anni 60?

Dai social: “Meglio solo dei siparietti con Ibra”

Gio Evan con i cantanti di The Voice Senior, Gli anni Voto 5

La compagnia che si scioglie dopo gli anni senza fiato. 

Dai social: “Quando fai il cambio di stagione ma qualcosa va storto”

Ghemon con I Neri per Caso, Medley L’essere infinito (L.E.I.) Voto 6,5

Minestrone con gli avanzi che si fa mangiare.

Dai social: “Finalmente qualcuno che canta e canta molto bene!”

La Rappresentante di Lista con Donatella Rettore, Splendido splendente Voto 7

Risollevano in piccola parte una serata storta. Buona esibizione… e non è poco visto il resto. 

Dai social: “W Rettorona nostra”

Arisa con Michele Bravi, Quando voto 6

Fila dritta questa cover, ma l’emozione non arriva. 

Dai social: “Quando…quando…quando finite?”

Madame, Prisencolinensinainciusol voto 7

Lei non sbaglia un colpo e non lo fa nemmeno con un brano del lontano 1973

Dai social: “Ecco a cosa sono serviti i banchi con le rotelle”

Annalisa con Federico Poggipollini, La musica è finita. Voto 6

Canta benissimo come sempre, ma per l’emozione sarà per la prossima volta, come sempre. 

Dai social: “Sempre uguale, non serve urlare per queste canzoni così intime”

Lo Stato Sociale con Francesco Pannofino ed Emanuela Fanelli, Non è per sempre. Voto 6,5

Cantata abbastanza bene e per loro non è scontato, emozionante il finale recitato.

Dai social: “Bravi, attuali e coraggiosi”.

Gaia con Lous and the Yakuza, Mi sono innamorato di te. Voto 5

Così non va, quando si decide di cimentarsi con un mostro sacro come Tenco, il risultato della partita deve essere un altro.

Dai social: “Almeno non urlano”

Colapesce Dimartino, Povera Patria. Voto 5

Possono tornare alla loro musica leggerissima. Forse qualche canzone più leggera del maestro Battiato sarebbe stata più adatta al leggerissimo duo.

Dai social: “In caduta verticale come gli ascolti di questo Sanremo”

Coma_Cose con Alberto Radius e Mamakass, Il mio canto libero 4

Il grande Radius non salva la pochezza di questa cover in perfetta linea con l’andamento della serata. Meglio non commentare intonazione e armonizzazioni tra le due voci. L’Orchestra li piazza giustamente all’ultimo posto.

Dai social arrivano critiche feroci: “La peggior performance di una canzone di Battisti mai sentita”

Max Gazzè con Daniele Silvestri e la Magical Mistery Band, Del mondo. Voto 7,5

Due artisti a 360 gradi della musica italiana che si conoscono come le loro tasche, quindi dal connubio non poteva non uscire una versione emozionante di un brano non notissimo. Miglior cover della serata”.

Dai social: “Magia pura, ma perché così tardi?”

Malika Ayane, Insieme a te non ci sto più. Voto 6

Tra i promossi della serata, ma niente di spettacolare.

Dai social: “Lasciate fare arrangiamenti originali a chi lo sa fare”

Ermal Meta con Napoli Mandolin Orchestra, Caruso. Voto 6,5

Lucio Dalla la preferiva più “asciugata” ma l’attuale favorito alla vittoria finale supera la sufficienza. 

Dai social: “Ma… Ermal è il fratello di Lp (Pergolizzi)?

Aiello con Vegas Jones, Gianna. Voto 6

Gianna portami a ballare, visto l’orario a lui va il 6 politico almeno per non aver infangato la memoria del grande Rino.

Dai social: “Solito rap in mezzo a un pezzo melodico, da 20 anni sempre la stessa cosa”. 

Il festival su Radio Sound

Radio Sound segue ogni giorno la manifestazione con rubriche e collegamenti in diretta con la città dei fiori. Inoltre la storica radio piacentina segue anche il Festiva dell’Apertura, #IoApro.

Il racconto della seconda serata.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank