West Nile virus, Tagliaferri (Fdi): “La Regione intervenga subito”

Tagliaferri (Fdi): "Meno burocrazia per aprire la tangenziale di San Giorgio"
Giancarlo Tagliaferri

La Regione intervenga per contrastare la diffusione dell’influenza West Nile. A chiederlo, in un’interrogazione, è il consigliere Giancarlo Tagliaferri (Fdi) che denuncia come nei giorni scorsi a Piacenza una donna sia stata trovata infetta dalla “febbre del Nilo”.

“Pochi giorni fa è stata colpita una donna di 60 anni che risiede nel piacentino, le sue condizioni sembrano gravi. L’infezione è stata diagnosticata anche a un cavallo che viveva in una zona rivierasca del Po ed è morto”, spiega Tagliaferri che osserva come il problema vada affrontato di petto, perché va a sommarsi alla perdurante pandemia da coronavirus.

blank

“A testimoniare la pericolosità del West Nile basterà ricordare l’annus horribilis, il 2018, quando una donna anziana perse la vita mentre due contagiati riuscirono a salvarsi. Ancora una volta il vicino lodigiano si rivela un confine problematico, sono ben 10 a Lodi le persone ricoverate per febbre del Nilo all’ospedale Maggiore, ospitate in reparti differenti tra i quali anche quello di Neurologia e Medicina, 13 in tutto i contagi”, incalza Tagliaferri che, proprio per questo, interroga la Giunta per sapere “se non ritenga di prevedere l’organizzazione e il finanziamento di una azione straordinaria di contenimento dell’infezione – che si profila come una vera e propria emergenza sanitaria – tramite disinfestazione e successivo monitoraggio degli esiti nei territorio coinvolti, senza lasciare i singoli comuni a dover fronteggiare da soli le ingenti spese e l’organizzazione di interventi fondamentali per la salute pubblica”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank