Morso di vipera: i consigli di Antonio Agosti, medico dell’Ausl, per chi cerca refrigerio in montagna o in Trebbia

In questi giorni in cui il caldo si fa sentire sono in tanti i piacentini che cercano refrigerio tra i sentieri delle vicine montagne e colline o nelle acque del Trebbia. In queste passeggiate può capitare di venire morsi da una vipera. Il veleno di questa tipologia di serpenti non è di norma letale, ma può causare gravi complicazioni che richiedono un trattamento adeguato.

blank

“Questo rettile – spiega Antonio Agosti, medico di Pronto soccorso e referente clinico antidoti dell’Ausl di Piacenza – di solito ha una dentatura caratterizzata da due piccoli denti anteriori distanziati di circa 1 cm l’uno dall’altro che lasciano sulla pelle segni corrispondenti, ma non è da escludere che il morso venga inferto con un solo dente. Perciò, se non siete esperti di serpenti, l’unico modo per poter capire se è stata una vipera a mordervi è il dolore prolungato e locale. Se non viene lesa una parte vitale come il volto o il collo, in genere, non si corrono rischi immediati per almeno 2 ore. Pertanto è importante mantenere la calma, limitare il più possibile i movimenti per non favorire la diffusione del veleno nell’organismo, e contemporaneamente attivare i soccorsi chiamando il 118 per recarsi al punto di soccorso più vicino”.

“Altra precauzione da prendere subito – prosegue il professionista – è quella di togliere orologi, anelli e bracciali e slacciare o tagliare le parti più costringenti degli abiti come polsini di camicie, calze, collant e pantaloni nell’area interessata dal morso. Se è possibile è consigliabile disinfettare la ferita e applicare acqua fresca o ghiaccio non a diretto contatto con la pelle”.

Secondo l’esperto, ci sono alcune avvertenze da tener presente: “Sconsiglio vivamente procedure “aspira-veleno”, che richiedono una manualità e una precisione difficili da mantenere in queste situazioni di emergenza e possono favorire la diffusione del veleno”. Va posta attenzione, secondo Agosti, anche a iniettare il siero antivipera, che potrebbe scatenare reazioni allergiche: meglio affidarsi a una somministrazione sotto controllo medico. Sono da evitare anche lacci che possano bloccare o diminuire la circolazione sanguinea nell’arto interessato dal morso. “Se i tempi di trasporto sono lunghi – sottolinea Agosti – o se si nota un rapido peggioramento, si può effettuare un bendaggio steccato dell’arto interessato come si farebbe per un arto fratturato, senza però comprimere la parte interessata”.

blank

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank