Ponte dell’Olio, il 9 ottobre inaugurazione del Nuovo Spazio delle Antiche Fornaci

Ponte dell'Olio, il 9 ottobre inaugurazione del Nuovo Spazio delle Antiche Fornaci
Piacenza 24 WhatsApp

Domenica 9 ottobre 2022 alle ore 17 è in programma l’inaugurazione del Nuovo Spazio delle Antiche Fornaci. In occasione della ricorrenza della liberazione di Ponte dell’Olio avvenuta il 6 ottobre 1944 si terrà un incontro per la rievocazione dell’evento.

La Sezione Val Nure dell’ANPI e il Comune di Ponte dell’Olio hanno collaborato per organizzare un doppio evento rilevante per la storia locale: l’inaugurazione  dei locali di nuova sistemazione all’interno dell’area delle Antiche Fornaci e la rievocazione della Resistenza attraverso un protagonista autorevole.

La ricorrenza

L’occasione riguarda la ricorrenza della liberazione di  Ponte dell’Olio il 6 ottobre 1944 dalla presenza del presidio fascista, sostenuto dagli occupanti tedeschi, che fu l’azione conclusiva dell’ampliamento della zona di controllo partigiano che arrivava fino a Bettola, sede del comando unico. L’assedio dei partigiani attorno al paese continuò fino al quinto giorno, giovedì 5 ottobre,  quando finalmente  fu trattata la resa da parte del presidio. Qui il ruolo del Capitano Mack (Arcibald Donald Mackenzie già detenuto con altri alti ufficiali inglesi nella villa del Collegio Alberoni  di Veano) è stato fondamentale proprio negli stessi  luoghi dopo l’8 settembre del ’43. 

Egli entrò verso le ore 9, con il fidato Giuseppe Carini,  sul borgo di Ponte, si scontrò con due militi poco lontani scoraggiandone la reazione, si recò, per iniziare la   trattativa,  dal parroco don Tinelli , che insieme a lui raggiunse, agitando a braccia tese un drappo bianco, la caserma dei Carabinieri,  da cui uscì il comandante delle milizie Farina; il gruppo, aggiuntovisi il Podestà Bosi, entrò nella canonica, dove si concluse la trattativa anche alla presenza del comandante partigiano Pippo Panni: salva la vita ai militi e la libertà di andarsene, per evitare drammi anche tra la popolazione. Con il  sopraggiungere da Bettola del comandante in capo Canzi si assunse la risoluzione  di tradurre come prigionieri  tutti i militi a  Bettola e poi a Selva, in vista di uno scambio con partigiani. In effetti lo scambio dei prigionieri di Ponte avvenne alcune settimane dopo a Vernasca. Purtroppo il Cap. Mac e  i suoi  fidati Giuseppe Carini e Pietro Merli furono barbaramente trucidati poco dopo sul versante della collina del Bagnolo in una puntata d’attacco di una squadra fascista.

La testimonianza.

E’ stata completata nei mesi scorsi l’intervista inedita all’ing. Rinaldo Paganini,  lucidissimo testimone della storia di Ponte; egli scelse di essere partigiano subito dopo l’uccisione dei due diciottenni  Renato Ghittoni e Piero Bessone (liceali, amici degli eroici Cesare Baio e di Archimede e Giorgio Gasperini); essi caddero nella trappola tesa da una squadra fascista e furono trovati sfigurati e impiccati a poca distanza. Il racconto nell’intervista traccia la storia della resistenza in Val Nure con tanti particolari. 

Gli autori del filmato di 40’ sono Rino Olivieri e Folco Balduini, associati del Cineclub “Cattivelli” di Piacenza.

Musica e canto.

I due musicisti Erica Opizzi e Antonio Amodeo,  tra i più valenti nel settore della musica folk storico-resistenziale,  intratterranno con un breve repertorio  valnurese. 

Brindisi  finale per festeggiare la ricorrenza.

La locandina riporta una foto del ponte di Ponte (Maria Luigia, 1846) una presenza degli anni trenta del 900.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank