Ultimo appuntamento per la rassegna Allegro con Brio, il 26 maggio protagonisti i giovani musicisti del Nicolini

Ultimo appuntamento per la rassegna Allegro con Brio a Piacenza

Ultimo appuntamento per la rassegna Allegro con Brio. Organizzata da Fondazione Teatri e Conservatorio Giuseppe Nicolini di Piacenza. Il concerto di domenica 26 maggio alle ore 17, alla Sala dei Teatini a ingresso libero, vedrà protagonisti giovani musicisti del Nicolini. In particolare impegnati nella rara formazione cameristica del Trio con clarinetto, in un ricco programma. Soprattutto dedicato a un repertorio di non frequente ascolto di compositori quali Béla Bartók , Jean Françaix e Johannes Brahms.

blank

Ultimo appuntamento per la rassegna Allegro con Brio. Aprirà il concerto il Trio composto da Eleonora Liuzzi (violino), Miljan Minic (clarinetto) e Giovanni Pisanu (pianoforte). 

Del compositore ungherese Bartók (1881-1945), verrà eseguito Contrasti. Scritto su commissione del clarinettista jazz Benny Goodman e del violinista Joseph Szigeti, il trio fu terminato da Bartók nel settembre 1938. Inoltre la prima esecuzione, avvenuta a New York il 9 gennaio 1939, fu anticipatrice del sofferto trasferimento del compositore negli Stati Uniti, a causa delle vicende politiche della sua terra d’origine. Il lavoro si inserisce, nella produzione generale del musicista, dopo la composizione dei suoi splendidi e sorprendenti cinque Quartetti per archi. Inoltre si segnala quale unicum nel genere da camera, per l’utilizzo dello strumento a fiato.

Trio per clarinetto, viola e pianoforte 

Il concerto ai Teatini proseguirà con il Trio per clarinetto, viola e pianoforte di Jean Françaix (1912 -1997), che verrà eseguito da un nuovo trio di giovani strumentisti: Emilia Mulas (clarinetto), Yanina Prakudovich (viola), Ivan Maliboshka (pianoforte). Un intermezzo di “evasione” composto dall’ allievo di Nadia Boulanger, che fu pianista e compositore di diversi pezzi cameristici dal sapore classicheggiante.

Finale del concerto affidato al trio composto da Stefano Merighi (clarinetto), Simone Ceppetelli (violoncello), Jacopo Rossi (pianoforte). In particolare chiamati a interpretare il Trio in la minore per clarinetto, violoncello e pianoforte op.114 di Johannes Brahms (1833 – 1897). Quinto dei sei trii scritti da Brahms, si deve all’incontro con il clarinettista virtuoso Richard Mühlfeld, membro della cappella di corte di Mannheim dal 1893 al 1907 e «il migliore strumentista a fiato in assoluto», come il compositore amburghese stesso rivela in una lettera all’amica Clara Schumann, nel luglio 1891, in vista dell’imminente esecuzione a Meiningen del suo lavoro.Il Trio, in questa specifica formazione (clarinetto, violoncello e pianoforte), ha solo due antecedenti nella letteratura musicale: Beethoven (1798) e Vincent D’Indy (1887), ma è soprattutto Brahms a tessere una scrittura di mirabile equilibrio tra gli strumenti in modo da valorizzarne con grande raffinatezza le specificità coloristiche.

Per approfondire.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank