Adunata degli alpini, misure di sicurezza in occasione del Concerto di Fanfare

Si è riunita stamattina la Commissione Provinciale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo. Commissione coordinata dal Viceprefetto Dr.ssa Razza, cui hanno preso parte i componenti di diritto; rappresentanti di Questura, Comando Provinciale Vigili del Fuoco, Amministrazione provinciale, Azienda USL, Esperto in Elettrotecnica, oltre che del Comune di Piacenza e dell’Organizzatori dell’evento.

Scopo della riunione esaminare le prescrizioni relative alla manifestazione denominata “Concerto e Carosello di Fanfare”. Concerto di cui faranno parte la Fanfara Orobica, Fanfara della Sezione ANA di Piacenza e Fanfara di Agazzano” che si terrà il 19 ottobre p.v. alle ore 22.30 in Piazza Cavalli a Piacenza, nel contesto del Raduno Regionale degli Alpini.

La CPVLPS, dopo ampia discussione e disamina della documentazione inerente, esprime parere favorevole allo svolgimento della manifestazione per una capienza massima complessiva di 7.000 spettatori, stabilendo le seguenti prescrizioni.

Dovrà essere previsto un numero 50 di addetti ai servizi di controllo e vigilanz; di cui 10 muniti anche di attestato di formazione di addetti all’emergenza di rischio elevato;

I 5 varchi di accesso alla piazza Cavalli dovranno essere controllati da personale dotato di conta persone, adibito all’instradamento del pubblico e al relativo conteggio;

Il personale addetto al servizio di controllo dovrà essere facilmente riconoscibile e individuabile;

In merito alla presenza del palco, si sottolinea che qualora lo stesso non venga utilizzato dalle fanfare, dovrà esserne inibito l’accesso attraverso il controllo dei volontari dell’organizzazione;

I servizi igienici (14 + 3 attrezzati per disabili) dovranno essere adeguatamente segnalati e mantenuti in buone condizioni igieniche;

I servizi igienici del comune dovranno essere tenuti aperti fino al termine della manifestazione e uno di questi dovrà essere riservato agli addetti alla ristorazione;

La zona di preparazione degli alimenti dovrà essere protetta da copertura, interdetta al pubblico e dotata di un numero adeguato di contenitori per i rifiuti;

Dovrà essere inibita la somministrazione, consumo, vendita e detenzione di cibi e bevande in contenitori di vetro nonché metallici.