Giornata Mondiale della Radio 2020, dalla Tesla Exhibition la richiesta di celebrare anche Nikola Tesla come inventore della radio

Giornata Mondiale della Radio 2020
Radio Sound
Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza.

Riconoscere e ricordare i meriti di Nikola Tesla in occasione della Giornata Mondiale della Radio 2020 che si celebra il 13 febbraio. E’ questo l’appello che arriva dalla Nikola Tesla Exhibition. Si tratta della nota mostra museo interattiva ospitata fino al 15 marzo presso lo Spazio Ventura XV a Lambrate. Inoltre la richiesta giunge anche da Desanka “Dannie” Mandicpronipote dello scienziato serbo.

Chi ha inventato la radio, Marconi o Tesla? Intervista a Max Vetrugno Responsabile Tecnico di “Tesla Technology” di Spazio Tesla.

Nonostante l’invenzione della radio sia generalmente attribuita all’italiano Guglielmo Marconi, per tutto il territorio degli USA l’inventore della radio è lo scienziato serbo Nikola Tesla. La Corte Suprema degli Stati Uniti d’America nel giugno 1943 stabilì infatti che il brevetto americano Marconi 763.772 era scontato e che non conteneva nulla di nuovo che non fosse presente nei brevetti di Tesla, Stoun e Lodge. Inoltre aggiunse che Marconi avesse utilizzato 17 brevetti di Tesla ed alcuni lavori di Hertz, senza dar loro il minimo riconoscimento. 

Mauro Rigoni, Amministratore unico di Venice Exhibition

“La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti che riconosceva a Tesla l’invenzione della radio è arrivata purtroppo pochi mesi dopo la sua morte, avvenuta nel gennaio 1943 in solitudine e povertà”, spiega Mauro Rigoni, Amministratore unico di Venice Exhibition. “In occasione di questa Giornata Mondiale crediamo sia fondamentale dare il giusto riconoscimento ad un genio che è stato per troppo tempo dimenticato dai libri di storia”. 

Chi ha inventato la radio? L’opinione del Direttore del Museo Marconi Barbara Valotti

La richiesta di ricordare Tesla in occasione della Giornata Mondiale della Radio 2020 si affianca alla proposta della pronipote Desanka Mandic –  il cui cognome è legato a quello della madre di Tesla, Georgina-Đuka Mandić – di dedicare le strade delle città italiane a Nikola Tesla.

Desanka Mandic

“Nikola Tesla  ha anticipato la necessità di trovare delle alternative a livello energetico. Il bisogno e la possibilità delle telecomunicazioni, ha previsto lo smartphone e la trasmissione di voce e immagini. Si può dire che ha inventato il XXI secolo”.

Organizzata da Venice Exhibition in collaborazione con il Nikola Tesla Museum di Belgrado, la Nikola Tesla Exhibition ha già accolto oltre 100.000 visitatori e più di 1.250 scuole, permettendo agli italiani di conoscere a fondo le invenzioni e gli esperimenti di Tesla.