“Tutelare l’ambiente e far crescere il territorio”, via libera al piano cave. Dubbi nella maggioranza, Anelli: “Voto a favore, ma con fatica” – AUDIO

blank
Piacenza 24 WhatsApp

“Tutelare l’ambiente e far crescere territorio”. Con queste premesse l’amministrazione comunale, nella persona dell’assessore Adriana Fantini, ha presentato in consiglio comunale il piano cave. Si tratta di un documento che di fatto fissa la programmazione delle attività estrattive nel territorio di Piacenza. Dalle cave si estraggono sostanze e minerali di valore: rendere possibili le attività estrattive significa di fatto permettere ad aziende specializzate di investire sul nostro territorio. Esiste però il rovescio della medaglia, ovviamente la questione ambientale. E proprio questo tema ha reso delicata la discussione in aula a palazzo Mercanti.

Andiamo con ordine. A Piacenza capoluogo esistono già quattro cave lungo i fiumi Po e Trebbia. Il documento approvato oggi ne aggiunge una, nella zona di Borghetto, 160mila metri cubi (il che significa una cava di piccole dimensioni). Se in seno al centrodestra il documento ha di fatto trovato tutti d’accordo, è tra i banchi della maggioranza che si sono consumate discussioni e dibattiti. Già perché, come noto, a Sinistra sussiste un animo fortemente ambientalista che non vede di buon occhio l’idea di rivoltare aree di terreno con macchinari e movimenti di tir.

Alla fine però i voti sono arrivati, la maggioranza si è compattata e il documento è stato approvato. Unici voti contrari quelli di Stefano Cugini e Luigi Rabuffi di Alternativa per Piacenza. Non ha partecipato al voto Massimo Trespidi della Lista Civica Barbieri-Liberi.

Anelli (Piacenza Coraggiosa): “Voto a favore ma con fatica”

L’amministrazione vuole tutelare il territorio, ma allo stesso tempo ritiene giusto permetterne anche la crescita. Il piano garantisce la difesa dell’ambiente e del lavoro”, ha detto l’assessore Fantini nel tentativo di convincere i più dubbiosi della maggioranza. Tra i più dubbiosi Matteo Anelli, di Piacenza Coraggiosa, il quale alla fine voterà a favore ma tra i mal di pancia: “Le cave rappresentano una fonte di disturbo per i residenti e un problema per la viabilità”, ha detto il consigliere. Alla fine Anelli voterà a favore, ma solo perché: “L’amministrazione comunale è l’ultimo anello di una lunga catena decisionale che viene subita a livello locale”, ha detto, prima di annunciare il voto favorevole: “Ma con un po’ di fatica”.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank