Le strappano la borsetta e fuggono, nel bottino 800 euro: denunciati due giovani

I Carabinieri della Stazione di Castel San Giovanni , ieri 23 aprile, hanno arrestato un 23enne per tentato furto aggravato. Il giovane, residente in città, durante il suo turno di lavoro quale magazziniere presso “Amazon” del polo logistico in strada Dogana Po a Castel San Giovanni, era stato sorpreso da personale addetto alla sicurezza, mentre si impossessa di alcuni smartphone. In particolare, il giovane, all’interno dell’area di stoccaggio della merce nello stabilimento, in una scatola di scarpe per bambini aveva nascosto 9 smartphone del valore di circa 7.000 euro.

Precedentemente il magazziniere aveva aperto le confezioni originali dei cellulari e li aveva legati tra loro con del nastro adesivo, ancora coperti dalla relativa pellicola.

I militari di Castel San Giovani, avvisati da personale addetto alla sicurezza, giunti immediatamente nel magazzino commerciale, hanno arrestato il giovane per tentato furto aggravato.

L’arrestato si trova agli arresti domiciliari.

Nei giorni scorsi i Carabinieri di Castel San Giovanni hanno invece denunciato in stato di libertà due giovani di 21 e 23 anni, residenti in città per furto con strappo in concorso.

La sera del 15 aprile, una ragazza di 21 anni, in via Manfredi, stava acquistando delle sigarette da un distributore automatico. Improvvisamente due giovani le hanno strappato la borsetta, poi i due si sono dati alla fuga. La borsa conteneva un telefono cellulare, 800 euro e i documenti personali.

I militari della Stazione di Castel San Giovanni, appurati i fatti, sulla scorta delle indicazioni fornite dalla vittima hanno avviato le opportune indagini ed hanno così catalizzato l’attenzione sui due giovani residenti in città, a carico dei quali acquisivano incontrovertibili elementi di responsabilità. Per i due è quindi scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Piacenza.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank