Piacenza collegata con 150 piazze per il Defibrillation Day: “Il DAE può solo salvare una vita, non si deve temere di usarlo” – AUDIO e FOTO

blank

Progetto Vita ha fatto davvero scuola e la giornata di oggi lo ha dimostrato appieno. Il Defibrillation Day 2022 ha visto 150 città collegate all’unisono in nome della cardioprotezione. Cardioprotezione che passa da una diffusione consapevole del defibrillatore. Forse diffusione consapevole è proprio il termine corretto. Perché non basta avere defibrillatori piazzati nei punti strategici della provincia, bisogna anche avere il coraggio di usarli, senza paura. Come ha detto la dottoressa Daniela Aschieri, presidente di Progetto Vita: “Se non avrete paura a usare un DAE, daremo una possibilità ai pazienti colpiti da arresto cardiaco di salvarsi. Il sistema di soccorso 112-118 attraverso le istruzioni pre-arrivo può aiutare i soccorritori occasionali. Ma se ciascun cittadino assiste a una semplice dimostrazione, si renderà contro che non può arrecare alcun danno usando un DAE”.

“La legge 116 del 4 agosto 2021 lo ha stabilito in modo chiaro: chiunque può usare un DAE. Questo non significa che i corsi non servono, ma significa che possiamo togliere la paura a tutti, come abbiamo sempre detto a Piacenza”, conclude Aschieri.

blank

Questa mattina, come detto, le realtà associative, le forze dell’ordine, le istituzioni si sono incontrate prima al Villaggio del Cuore, allestito in piazza Cavalli, per poi raggiungere il Salone di Palazzo Gotico per l’incontro dal titolo “Sei pronto a salvare una vita? Tutti possono usare il DAE”.

“Con la legge 116 è cambiato il contesto in cui possono intervenire i cittadini. Con questa legge il cittadino può concentrarsi sulle operazioni per salvare la vita a una persona senza essere distratto dalle preoccupazioni in merito a eventuali responsabilità. Abbiamo un’app molto diffusa che rende i cittadini veri protagonisti del soccorso”, commenta l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini.

Mentre in piazza Cavalli le associazioni e le forze dell’ordine si presentavano alla cittadinanza attraverso stand informativi, a Palazzo Gotico si è tenuto il convegno “Sei pronto a salvare una vita?”.

Dalle 9,30 si sono susseguiti i collegamenti con alcune delle 150 piazze collegate. Un primo collegamento con l’Isola d’Elba (sede ANPAS di Portoferraio Spiaggia delle Ghiaie). Il presidente nazionale di ANPAS, Fabrizio Pregliasco, si è collegato dalla sede ANPAS di Cologno Monzese e ha salutato le autorità intervenute per il Memorial Saltarelli (il sindaco Patrizia Barbieri, il prefetto Daniela Lupo, il direttore generale delll’Ausl, Giuliana Bensa e l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini.
Altri collegamenti con il Piemonte, con la Guardia Costiera del lago Maggiore, con Progetto Vita Lucca, Arezzo e Pisa, con Guidonia (dove il sindaco ha inaugurato un DAE pubblico), collegamento con la sede Taxi Roma Capitale, con la Sicilia a Sant’Agata Li Battiati in provincia di Catania, e con Sciacca. Senza contare Atuamentu in provincia di Cagliari e addirittura un collegamento con la Romania.

14° Memorial “…ricordando Maurizio Saltarelli” – LE STORIE

Nell’ultimo anno ci sono stati volontari che, grazie al loro tempestivo intervento con il defibrillatore, sono riusciti a salvare una persona colpita da arresto cardiaco. Nel salvataggio di un paziente non c’è mai una sola persona che interviene, ma una squadra, dalle forze dell’ordine ai volontari al 118.

L’evento è stata l’occasione per ripercorrere alcuni degli episodi avvenuti nel nostro territorio, ma soprattutto l’occasione pe far incontrare le persone salvate e i propri angeli. I soccorritori sono stati premiati con una medaglia dalla persona salvata o da un’autorità che invito ogni colta a raggiungere il palco.  

1) Era il 18 ottobre 2021, verso le 21.00 il signor Angelo stava passeggiando con il figlio nei pressi della caserma dei Carabinieri di Villanova. All’improvviso il malore e la caduta a terra: il figlio ha chiamato il 118, a cui hanno risposto gli operatori di Centrale Operativa LISA CARINI E FRANCESCA PUGLIA, che hanno attivato il codice blu. Alla richiesta di aiuto hanno risposto i Carabinieri di Villanova, VICE BRIGADIERE PIO DE ROSA E CARABINIERE GIUSEPPE DE CESARE vicinissimi all’evento. In attesa dei soccorsi avanzati, il figlio del signor Angelo ha proceduto con le manovre di rianimazione, mentre i carabinieri di Villanova hanno applicato il Dae, erogando 3 scariche e facendo ripartire il cuore del signor Angelo.4) Era il 18 ottobre 2021, verso le 21.00 il signor Angelo stava passeggiando con il figlio nei pressi della caserma dei Carabinieri di Villanova. All’improvviso il malore e la caduta a terra: il figlio ha chiamato il 118, a cui hanno risposto gli operatori di Centrale Operativa LISA CARINI E FRANCESCA PUGLIA, che hanno attivato il codice blu. Alla richiesta di aiuto hanno risposto i Carabinieri di Villanova, VICE BRIGADIERE PIO DE ROSA E CARABINIERE GIUSEPPE DE CESARE vicinissimi all’evento. In attesa dei soccorsi avanzati, il figlio del signor Angelo ha proceduto con le manovre di rianimazione, mentre i carabinieri di Villanova hanno applicato il Dae, erogando 3 scariche e facendo ripartire il cuore del signor Angelo.

Carabinieri di Villanova: VICE BRIGADIERE PIO DE ROSA E CARABINIERE GIUSEPPE DE CESARE

Operatori 118 che hanno attivato il codice blu: LISA CARINI E FRANCESCA PUGLIA


2) Era il 2 dicembre 2021, verso le ore 14, la signora Mazzocchi Lucia era nella propria casa a Piacenza con la famiglia. All’improvviso il malore e la caduta a terra: i famigliari hanno chiesto aiuto ai vicini di casa…. E’ prontamente intervenuto il signor ROBERTO GOBBI, che insieme al figlio della signora Lucia, STEFANO, ha chiamato il 118. Alla richiesta di soccorso hanno risposto gli operatori di Centrale Operativa 118, LISA CARINI E SIMONE FANIGLIULO, che hanno attivato il codice blu. In attesa dell’arrivo dei soccorsi il figlio Stefano e il signor Roberto hanno proseguito senza sosta la rianimazione cardiopolmonare, guidati dagli operatori 118. In pochi minuti è giunta sul posto la pattuglia della Polizia di Stato composta dall’AGENTE LUCA VITALI E dall’AGENTE FEDERICO LUCA che hanno applicato il defibrillatore, facendo ripartire il cuore della signora Lucia. La signora Lucia sta bene, è a casa ed è tornata alla sua vita di sempre. 

-il figlio della signora Lucia, STEFANO

-il vicino di casa ROBERTO GOBBI

-la pattuglia della polizia di stato intervenuta: gli AGENTI LUCA VITALI e FEDERICO LUCA non sono presenti causa trasferimento, ma ritira i riconoscimenti il COMMISSARIO CAPO DELLA POLIZIA DI STATO DR PAOLO VERDECCHIA

-gli operatori di centrale 118 che hanno attivato il codice blu: SIMONE FANIGLIULO E LISA CARINI


3) Era il 16 dicembre 2022, il signor Clemente Renato stava viaggiando a bordo del treno FRECCIAROSSA 9520 partito da Napoli Afragola, quando, nei pressi di Piacenza si è sentito male. Immediata la chiamata al 118 a cui hanno risposto gli operatori di centrale Operativa 118 MARTINA CERVI E ANDREA BELLOMO che hanno attivato il codice blu. Nel frattempo è intervenuto un soccorritore di Trenitalia che ha applicato il defibrillatore, presente sul treno, e ha proseguito le manovre di rianimazione guidato dagli operatori 118.

Il signor Renato consegna ora un premio:

-Agli Operatori 118 che hanno attivato il codice blu: MARTINA CERVI E ANDREA BELLOMO


4) Era il giorno di Natale del 2021, la signora Clelia Zen era in compagnia della propria famiglia a Recesio di Bettola, quando si è sentita male cadendo immediatamente a terra. La figlia, testimone dell’accaduto ha chiamato il 118, a cui hanno risposto gli operatori di centrale Operativa 118 FRANCESCO MALINVERNO E SILVIA GRASSI che hanno attivato il codice blu. E’ subito intervenuta la Pubblica Assistenza Valnure composta dai soccorritori: GIORGIO BARBIERI, ANNAMARIA DELFINI, LORENZO RAPIZZA che hanno prontamente applicato il defibrillatore facendo ripartire il cuore della signora Clelia che è successivamente stata stabilizzata dall’equipaggio del 118 intervenuto e trasportata in Ospedale.

– l’Equipaggio della Pubblica Assistenza Valnure: GIORGIO BARBIERI, ANNAMARIA DELFINI, LORENZO RAPIZZA

– gli operatori di centrale Operativa 118 FRANCESCO MALINVERNO E SILVIA GRASSI che hanno attivato il codice blu


5) Ci spostiamo ora nel 2022, era il 9 gennaio, il signor Nicola Marchionni si trovava presso la sua abitazione a Carpaneto, quando improvvisamente è stato colto da malore. Immediata la chiamata al 118, a cui hanno risposto gli operatori di centrale Operativa 118 WILLIAM GIOVANELLI E FRANCESCA PUGLIA, che hanno attivato il codice blu. E’ subito intervenuta la Pubblica Assistenza di Carpaneto, composta dai soccorritori SIMONE SEGALINI E MARCELLO BERTONAZZI che hanno applicato il defibrillatore: il tutto con il supporto dell’equipaggio 118 di Fiorenzuola intervenuto, composto da Autista-soccorritore GIORGIO GALLANI E infermiere CORRADO TACCHINI che hanno proseguito le manovre di rianimazione e trasportato il paziente in Ospedale.

– l’Equipaggio della Pubblica Assistenza di Carpaneto: SIMONE SEGALINI E MARCELLO BERTONAZZI

– l’Equipaggio del 118 di Fiorenzuola: Autista-soccorritore GIORGIO GALLANI E infermiere CORRADO TACCHINI

– gli operatori di centrale Operativa 118 WILLIAM GIOVANELLI E FRANCESCA PUGLIA, che hanno attivato il codice blu.


6) Era il 19 gennaio 2022, presso il Carcere di Piacenza stava prestando servizio l’Assistente Capo della Polizia Penitenziaria Pierpaolo Flore, quando, all’improvviso è stato colto da Malore. Immediata la chiamata al 118, a cui hanno risposto gli operatori di centrale Operativa ALESSANDRA ARCHENTI, PAOLO VACCARELLO E GIANNI DI LALLA che hanno attivato il codice blu. Sono immediatamente intervenuti medico e infermieri presenti nella struttura: DOTT. KAMDEM WAFFO CHARLY ARMEL, INFERMIERA ALESSIA GALIOTO, INFERMIERE DOMENICO PELLEGRINO che hanno applicato il defibrillatore al paziente, hanno erogato più scariche, facendo ripartire il cuore del paziente.

DOTT. KAMDEM WAFFO CHARLY ARMEL, INFERMIERA ALESSIA GALIOTO, INFERMIERE DOMENICO PELLEGRINO, personale ASL di Piacenza, in servizio presso la Medicina Penitenziaria

– gli operatori di centrale Operativa 118 ALESSANDRA ARCHENTI, PAOLO VACCARELLO E GIANNI DI LALLA, che  hanno attivato il codice blu.


7) Era il 27 gennaio 2022, il signor Giorgio Bertuzzi si trovava presso la sua abitazione a Piacenza, quando improvvisamente è stato colto da malore. Immediata la chiamata al 118 da parte della figlia STEFANIA, infermiera in servizio presso il Reparto di Medicina a Bobbio, che ha prestato il primo soccorso al papà. In pochissimi minuti è arrivato sul posto l’equipaggio del 118 di Piacenza composto da: AUTISTA-SOCCORRITORE MASSIMO FORNACIARI, INFERMIERE RICCARDO SAVI E DOTTORESSA ERIKA POGGIALI, cha hanno prontamente applicato il defibrillatore al signor Giorgio, facendo ripartire il suo cuore.

-la figlia STEFANIA

– l’equipaggio del 118 di Piacenza composto da: AUTISTA-SOCCORRITORE MASSIMO FORNACIARI, INFERMIERE RICCARDO SAVI E DOTTORESSA ERIKA POGGIALI


8) Era il 22 aprile 2022, il signor Albino Diraka era negli spogliatoi del centro sportivo di Vigolzone, quando improvvisamente è caduto a terra privo di sensi. Un testimone dell’accaduto, ha chiamato il 118 a cui hanno risposto gli operatori di centrale Operativa DAVIDE ZANNI E ROBERTO PERITORE che hanno attivato il codice blu.  La macchina dei soccorsi si è immediatamente attivata, tutti di corsa per salvare una vita: al codice blu ha risposto il COMANDANTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE VALNURE PAOLO GIOVANNINI che si è precipitato sul posto con il defibrillatore, mentre già stavano intervenendo le coordinatrici del centro SPORTIVO ILARIA FROVI E ALICE AZZALIN, utilizzando il defibrillatore presente nel centro sportivo. E’ intervenuta anche la Pubblica Assistenza Valnure composta dai soccorritori: MAURIZIO VILLA, MASSIMILIANO BOROTTI, MARIA ZAGLIANI. Una-due scariche e il cuore del signor Albino è ripartito senza riportare gravi danni.

– le coordinatrici del centro sportivo di Vigolzone ILARIA FROVI E ALICE AZZALIN

-equipaggio PUBBLICA ASSISTENZA VALNURE composto da: MAURIZIO VILLA, MASSIMILIANO BOROTTI, MARIA ZAGLIANI.              

– IL COMANDANTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE VALNURE PAOLO GIOVANNINI intervenuto (purtroppo non è presente ma ritirano il premio Ispettrice Anna Tramelli e Assistente Maschi Giuliana)

– gli operatori di centrale Operativa 118 DAVIDE ZANNI E ROBERTO PERITORE, che hanno attivato il codice blu.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank