Omicidio di Elisa, Sebastiani: emerge una personalità borderline ma capace di intendere e di volere

Elisa ritrovata senza vita

Omicidio di Elisa Pomarelli. Massimo Sebastiani era una personalità borderline, ma al momento di uccidere era capace di intendere e di volere. E’ in sostanza quanto emerge dalla perizia psichiatrica stilata dal perito Mario Montero, nominato dal tribunale di Piacenza.

blank

In sostanza, all’epoca dei fatti, Sebastiani soffriva di “disadattamento psicosociale, una condizione stressante sia per la relazione non corrisposta sia per la situazione economica in cui versava”.

Allo stesso tempo però, il modo in cui Sebastiani ha gestito la propria fuga indica una certa lucidità: “I comportamenti precedenti e successivi all’omicidio non sono indicativi di una disorganizzazione patologica e risultano compatibili con il fine di procurarsi un alibi e con l’attuazione di strategie volte ad evitare l’identificazione come autore del reato e la cattura”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank