Fusacchia (+Europa): “Serve una democrazia continentale per affrontare le sfide di oggi” – AUDIO

“Vogliamo potenziare il Parlamento europeo”. Questa mattina, mercoledì 15 maggio, i candidati di +Europa Francesco Rolleri e Federica Sabbati, insieme all’onorevole Alessandro Fusacchia, capogruppo di +Europa alla Camera, hanno visitato la sede Casino Mandelli del Tecnopolo di Piacenza. La visita è stata l’occasione per incontrare i ricercatori e informarsi sull’attività del Tecnopolo. Ma anche l’occasione per parlare di politiche europee a sostegno dell’innovazione e della competitività.

“Noi vogliamo rafforzare il parlamento Europeo perché gli ultimi anni hanno dimostrato che i Governi nazionali sono incapaci di portare avanti il processo di integrazione”. Sono le parole di Fusacchia. “Ci sono sfide che non possiamo più affrontare solo come italiani. Penso alla questione legata al clima, l’impatto della tecnologia sul mondo del lavoro, le competenze e la formazione. Per affrontare questi temi dobbiamo dare la giusta forza all’Europa mandando i giusti deputati in Parlamento per sviluppare questa democrazia continentale”.

“Dobbiamo far capire ai cittadini che non si tratta di mandare qualcuno a Strasburgo o Bruxelles come se fosse un esilio. Ma dobbiamo creare degli ufficiali di collegamento molto forti con il territorio. Le candidature di Rolleri e Sabbati conciliano queste esigenze; persone che da una parte conoscono già i meccanismi e le istituzioni dell’Europa e dall’altra conoscono i territori. Perché il nostro obiettivo è costruire un’Europa di prossimità, un’Europa che serva e funzioni anche per quei cittadini che non escono da Piacenza e dai suoi comunu. Un’Europa che sia garante di diritti e libertà fondamentali che qualcuno oggi vuole rimettere in discussione in questo Paese”. Conclude Fusacchia.

“Area vasta per essere competitvi”

“Se i cittadini mi sceglieranno rappresenterò in Europa le istanze del territorio che vede nel rapporto tra università e aziende una delle sue peculiarità. La crescita è legata a ricerca e sviluppo”. Spiega Francesco Rolleri.

“Per fare ciò è indispensabile sburocratizzare l’Unione Europea. Ma allo stesso tempo iniziare a ragionare in ottica di area vasta, così come abbiamo già iniziato a fare con Destinazione Turistica Emilia. Cercare dunque aggregazioni che possono permetterci di essere competitivi anche all’interno del mercato europeo”.