Interdittive antimafia per tre aziende: “Pericolo d’infiltrazione della criminalità organizzata”

blank
Piacenza 24 WhatsApp

Nel quadro dell’attività di monitoraggio e di prevenzione antimafia svolta dalla Prefettura-Utg di Piacenza, sono state adottate dal Prefetto Daniela Lupo, tra settembre e ottobre, tre nuove interdittive antimafia nei confronti di altrettante aziende: due attive nel settore edile e una nel settore di somministrazione di bevande e alimenti.

I provvedimenti sono stati emanati in quanto, dall’attività istruttoria svolta dall’Ufficio e dal Gruppo Interforze Antimafia, è emerso il pericolo d’infiltrazione della criminalità organizzata nell’attività d’impresa

In un caso, a partire da un recente decreto della Corte di Appello di Bologna e da due informazioni interdittive adottate negli anni scorsi dalle Prefetture di Reggio Emilia e di Cremona, è emerso un fitto intreccio di parentele e cointeressenze economiche fra soggetti appartenenti o legati a vario titolo alla nota ‘ndrina Grande Aracri di Cutro-Brescello e persone dimoranti e/o operanti in questa provincia e in quelle di Reggio Emilia e di Cremona.

Salgono quindi a sei i provvedimenti interdittivi adottati dal Prefetto nel 2023, sempre in stretta collaborazione con le Forze di polizia, per tutelare l’economia legale del territorio, con particolare attenzione ai fondi destinati al PNRR.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank