La Coppa d’Oro celebra il ciclismo: “Eccellenza ed emozioni, come le tradizioni di un territorio” – AUDIO e FOTO

“Comunicare emozioni è possibile attraverso lo sport e attraverso le eccellenze di un territorio come i nostri prodotti tipici”. Con questo spirito la Coppa d’Oro 2019 ha scelto di celebrare il ciclismo, portabandiera di momenti indimenticabili che anche in passato hanno contribuito a unire il paese. Esattamente come il buon cibo.

Nella splendida cornice di palazzo Gotico, il Consorzio Salumi DOP Piacentini ha consegnato la prestigiosa statuetta a Davide Cassani, commissario tecnico della Nazionale Italiana maschile elite di ciclismo su strada; insieme a lui Giancarlo Perini, che nel 1992 ha contribuito alla vittoria italiana del Mondiale. Insieme a loro Andrea Monti, direttore della Gazzetta dello Sport, quotidiano leggendario che lo sport lo ha raccontato per anni.

I tre premiati hanno partecipato alla tavola rotonda alla quale hanno preso parte anche il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, Alex Rivelli Sorini, gastrosofo e giornalista, e Pier Augusto Stagi, direttore del magazine TuttoBICI.

“Il ciclismo è lo sport ideale, perché trasmette emozioni nel praticarlo e nel vederlo. Non sempre si vince però ho sentito tante testimonianze di affetto e attaccamento da parte delle persone. E questo è positivo perché dimostra che gli italiani sono capaci di fare squadra e di stringersi quando è necessario”. Il commento di Cassani.

“Il Giro d’Italia accompagna lo spettatore attraverso le eccellenze della nostra Italia e Piacenza rappresenta una delle cartoline più belle”. Commenta Monti.

“I ricordi di quel Mondiale resteranno per sempre, oggi è bello essere premiati dai propri concittadini. Significa essere rimasti nel cuore dei piacentini”. Conclude Perini.