Mancano i camici barriera, operatori sanitari invitati a lavarseli da soli. Lega: “Vergognoso”

blank

Infermieri e operatori sanitari invitati dall’Asl a lavarsi da soli i camici; questo a causa “della temporanea e generale difficoltà, in ambito regionale e nazionale, di approvvigionamento di camici barriera in Tnt utilizzati nel corso degli isolamenti funzionali da contatto”. Lo segnala la Lega.

blank

E’ quanto dispone una nota diramata ieri da Asl Piacenza. La nota invita il personale sanitario a “frizionarsi” con una salvietta detergente le parti dei camici venute a contatto con i malati.

blank
Tirocini

“Si tratta di una situazione che giudichiamo vergognosa e folle. Non è concepibile che, a distanza di quasi 3 mesi dall’inizio dell’emergenza Covid, la salute del personale sanitario sia a rischio per la mancanza dei necessari dispositivi di protezione individuale”.

Così il capogruppo regionale della Lega, Matteo Rancan, che stigmatizza come la gestione dell’emergenza risulti ancora “inadeguata e negligente”.

Murelli: “Medici e infermieri devono lavarsi i camici, è inaccettabile”

«E’ inaccettabile che, ancora oggi, ad oltre due mesi dall’inizio dell’emergenza, si riscontrino carenze così gravi e marcate negli approvvigionamenti dei dispositivi di protezione individuale indispensabili per assicurare la sicurezza degli operatori in servizio; del pari inaccettabile è che agli operatori stessi venga richiesto di sanificare alla meno peggio i dispositivi in questione per ovviare alle ridotte inefficienze nella catena degli approvvigionamenti».

blank

Lo scrive la deputata della Lega, Elena Murelli, in una interrogazione presentata al ministro della Salute e al presidente del Consiglio. Al Governo, viene chiesto se sia a conoscenza di queste procedure, se garantiscano la sicurezza degli operatori sanitari e come mai manchino ancora le protezioni negli ospedali dell’Emilia Romagna. «E’ sconfortante ricevere queste notizie – commenta Murelli – nella Giornata internazionale dell’infermiere pensando a coloro che hanno perso la vita, per salvarne altre, lavorando in corsia lottando contro il Covid-19».

Murelli ricorda che continuano «ad arrivare segnalazioni in merito alla carenza di dispositivi di protezione individuale (DPI) nel territorio della Regione Emilia-Romagna. I ritardi e le difficoltà negli approvvigionamenti riguarderebbero, tra gli altri, i camici barriera in tessuto non tessuto (TNT) utilizzati nel corso degli isolamenti funzionali da contatto». In alcune strutture sanitarie regionali, le direzioni avrebbero chiesto al personale, medici e infermieri, di lavare i camici durante i turni di servizio frizionando «il DPI indossato, utilizzando una salviettina o, in alternativa, una garza imbevuta di soluzione acquosa a base di cloro attivo». Un segnale della generale carenza di protezioni. La deputata chiede di sapere se queste procedure siano conformi ai protocolli «se le stesse garantiscano la prevenzione dal rischio di contagio e se il frizionamento ripetuto del dispositivo possa compromettere la tenuta della relativa barriera protettiva».

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank