“Nazisti”, atto vandalico contro la Cgil di Pontenure: la firma di un gruppo no-vax. Solidarietà della Regione

blank

Tornano le scritte minacciose da parte del movimento no-vax VV, gruppo che già in passato aveva imbrattato con slogan alcuni edifici della nostra provincia, e non solo. A farne le spese, questa volta, è la sede della Cgil di Pontenure. Sulla parete d’ingresso è comparsa infatti la scritta “nazisti”. Le scritte sarebbero comparse un paio di sere fa, sul gesto sono stati avviati gli accertamenti del caso.

Come detto, i VV avevano già imbrattato le pareti di altri edifici del territorio: lo scorso 8 febbraio, per esempio, era accaduto alla scuola Romagnosi.

blank

La solidarietà della Regione

“Esprimo massima solidarietà e vicinanza a Cgil, Cisl e Uil. AI segretari nazionali Landini, Sbarra e Bombardieri, oggetto di attacchi e intimidazioni da parte dei no vax. Lo stesso ai segretari regionali e a tutte le lavoratrici e i lavoratori per questo ennesimo gesto, vile e inaccettabile, compiuto stavolta contro i sindacati e loro sedi in Emilia-Romagna, in particolare a Reggio Emilia”.

Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, di fronte alle scritte e ai manifesti che prendono di mira i tre sindacati e i loro segretari nazionali – Maurizio Landini (Cgil), Pier Paolo Bombardieri (Uil) e  Luigi Sbarra (Cisl) – attaccati dai no vax fuori da diverse sedi sindacali, con la svastica nazista, la doppia V rossa simbolo dei no vax e scritte che si rifanno alla “dittatura nazi-sanitaria”.

“Evocare la dittatura sanitaria e modalità naziste contro chi, di fronte a una pandemia mondiale senza precedenti, si è battuto fin dall’inizio per la sicurezza nei luoghi di lavoro è davvero senza senso e qualifica chi tali atti li compie: persone che dimenticano qualsiasi senso di responsabilità verso gli altri e la collettività, scegliendo di attaccare chi non la pensa come loro. Persone che parlano di libertà nel momento stesso in cui la calpestano. Nella nostra regione- chiude Bonaccini-, fra le più colpite dalla pandemia, dove abbiamo purtroppo registrato così tanta sofferenza e vittime, continueremo a rimanere uniti per uscire definitivamente dall’emergenza sanitaria e per una ripresa che sia equa e di tutti, contando sul contributo fondamentale di tutte le parti sociali. Allo stesso modo, con la medesima coesione lavoreremo insieme per accogliere tutti i profughi in fuga dalla guerra in Ucraina”. 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank