Trasporto pubblico locale, Comune e Tempi si confrontano con la Consulta degli Studenti.

Trasporto-pubblico-locale-i-risultati-di-un-sondaggio-a-Piacenza
Piacenza 24 WhatsApp

Un sondaggio che ha coinvolto circa 3000 coetanei – residenti tra città, provincia e realtà limitrofe – frequentanti gli istituti secondari di 2° grado del tessuto urbano, interpellati sulla rete del trasporto pubblico locale: è il risultato tangibile del lavoro intrapreso nel gennaio di quest’anno dalla Consulta provinciale degli Studenti, sotto l’egida della professoressa Giorgia Babini dell’Ufficio Scolastico Territoriale, i cui esiti sono stati presentati all’assessore alla Viabilità Matteo Bongiorni e all’amministratore unico di Tempi Agenzia Paolo Garetti dalle studentesse e dagli studenti che si occupano del tema Mobilità, Giulia Pisati, Costanza Stefanelli, Beatrice Dughetti, Samuele Boglioli, Emiliano Ciatti e Giulia Borghi.

Trasporto pubblico locale Assessore alla viabilità

In vista del percorso che ci condurrà verso la stesura del nuovo Put – sottolinea Bongiorni – abbiamo avviato un confronto importante con la Consulta, grazie al cui impegno prezioso per produrre questa indagine statistica sono emersi elementi su cui lavorare insieme e dati che ci permettono di avere una base concreta per orientare le scelte del futuro verso una maggiore sostenibilità, sia dal punto di vista del territorio, sia nell’ottica degli utenti che fruiscono quotidianamente della rete urbana ed extraurbana degli autobus. La voce dei ragazzi è fondamentale in tal senso, perché il trasporto pubblico, di cui il servizio scolastico rappresenta un pilastro portante, è una delle componenti di maggiore impatto sulla viabilità: con loro abbiamo instaurato un dialogo schietto, incisivo e molto maturo, per il quale non posso che esprimere un apprezzamento sincero”.

Trasporto pubblico locale il questionario

Il questionario diffuso tra i giovani tramite un modulo Google ha preso in considerazione vari aspetti: dal grado di soddisfazione (il 59% riscontra problemi, il 41% non ne rileva), alla frequenza di utilizzo, che per l’80% dei ragazzi che hanno risposto al sondaggio è quotidiana, con una netta prevalenza della linea MB e di quella diretta al campus Raineri Marcora in ambito cittadino, mentre a livello provinciale la distribuzione è pressoché equa con picchi relativi ai principali Comuni delle quattro vallate. Per l’84% degli studenti, la fermata del pullman è sufficientemente vicina alla scuola, ma le principali criticità riguardano situazioni di sovraffollamento dei mezzi (soprattutto nel momento dell’uscita alla fine delle lezioni) e la difficoltà nel conciliare gli orari del bus con quelli della campanella, tra ritardi legati al traffico, coincidenze a rischio con altre linee o con i treni.

Trasporto pubblico locale coordinamento tra istituti

Il tema del coordinamento con tutti gli istituti di città e provincia, per la programmazione degli orari – puntualizza Paolo Garettiè annoso e richiede uno sforzo congiunto che stiamo cercando di migliorare ulteriormente. Le osservazioni raccolte dalla Consulta sono un indicatore cui guarderemo con molta attenzione, fermo restando che ci sono normative, a cominciare dalla capienza massima dei mezzi, cui non possiamo derogare per ragioni di sicurezza”.

Al di là della considerazione di fondo per cui il trasporto pubblico è un servizio che, per sua natura, non può far prevalere le esigenze del singolo su quelle della collettività, talvolta il problema della sproporzione tra passeggeri e disponibilità è anche acuito dal fatto che i ragazzi preferiscono aspettare gli amici che escono più tardi da altre scuole, a dispetto dei calcoli fatti razionalmente, sul fabbisogno effettivo delle singole linee e fermate. Credo però che la direzione intrapresa con l’Amministrazione comunale, nel costruire un dialogo costante con gli studenti che sono il nostro più grande bacino d’utenza, sia quella giusta e ci permetterà di fare valutazioni più incisive e rispondenti alle attese”.

Assessore Bongiorni

Una di queste rimarca l’assessore Bongiorni riguarda l’ipotesi di sgravare piazza Cittadella come hub di arrivo del traffico scolastico in centro storico, trasferendo il comparto nella zona della ex pesa pubblica a Barriera Milano: un’alternativa su cui sono in corso le verifiche tecniche, anche a seguito delle opinioni raccolte tra i ragazzi per cui è emerso che, pur aumentando la distanza da percorrere a piedi di un centinaio di metri, è preferibile camminare con i compagni anziché restare fermi in coda, per un tempo equivalente, a bordo del pullman”.

I suggerimenti

Tra i suggerimenti di cui le liceali Beatrice Dughetti, Giulia Benedetta Pisati e Costanza Stefanelli si sono fatte portavoce, “l’istituzione di nuove tratte (in particolare di navette che possano congiungere Barriera Roma con il Cheope), l’incremento dei mezzi a disposizione per le direttrici di San Nicolò, Fiorenzuola, Gossolengo, Ponte dell’Olio e Pianello, nonché una revisione delle politiche degli orari che li renda più pertinenti sia per i rientri scolastici pomeridiani – con fermate in piazza Cittadella, alla Lupa e al Cheope – sia per l’integrazione con il sistema ferroviario”.

Iscriviti per rimanere sintonizzato!

Radio Sound
blank blank