Tritium – Piacenza 3-1, I biancorossi cadono a Trezzo: prima sconfitta dopo 13 gare. Rossini: “Non siamo entrati in campo con la mentalità giusta” – AUDIO

Piacenza 24 WhatsApp

Si era parlato di una gara da non sottovalutare e ora ne abbiamo la conferma: i biancorossi non sfruttano il passo falso del Caldiero Terme e perdono 3-1 contro la Tritium. Primo k.o. per il Piacenza, che, dall’arrivo di Rossini, aveva collezionato ben 13 risultati utili consecutivi: l’ultima sconfitta risaliva al 1 Novembre contro il Legnano.

Il tecnico piacentino, per il match di Trezzo, ripropone la formazione dell’ultima gara, con due variazioni: tra i pali torna Moro, a seguito della squalifica, e in avanti Marquez viene preferito a Recino.

L’inizio del primo tempo è blackout totale per i biancorossi, che non sono minimamente entrati in partita: calcio di rigore a favore dei padroni di casa, causato da un’ingenuità di Artioli che, dopo aver perso il controllo del pallone al limite dell’area, stende Caraffa e Scietti dal dischetto non sbaglia. Pochi minuti dopo un altro errore difensivo regala un’occasione d’oro ai locali: Silva sbaglia il passaggio e consegna la sfera a Caraffa che poi viene steso al limite dal difensore biancorosso; Maspero sul punto di battuta infila Moro e fa 2-0.

Successivamente il Piacenza prova a cambiare le sorti del match, ma ogni palla recuperata dai locali sembrava essere un’occasione da gol. Nei minuti finali della prima frazinone i biancorossi iniziano a fare la partita e al 31′ accorciano le distanze: lancio di D’Agostino per Facundo Marquez che si smarca perfettamente e serve Kernezo che tutto solo spiazza Bassani e fa 1-2. Seconda rete consecutiva per il 77 dopo quella nell’ultima giornata contro il Caravaggio.

Inizia il secondo tempo e il Piacenza sembra un’altra squadra rispetto al primo tempo: i biancorossi chiudono la Tritium nella propria area e attaccano alla ricerca del gol del pari, ma non sfruttano le occasioni create, complice una super prestazione dell’estremo difensore locale, Bassani. Nei minuti finali i padroni di casa rinunciano completamente ad attaccare, ma all’89’, dopo una palla persa sulla trequarti, ripartono e chiudono definitivamente i conti: Ruscone salta due uomini, serve Ndiaye che si invola in solitaria verso la porta e spiazza Moro.

Ora il Piacenza si trova al quarto posto in classifica, a -4 dalla vetta. Prossimo appuntamento Domenica 4 Febbraio contro il Desenzano.

Le parole di mister Rossini

La partita

Primo tempo

Squadre in campo, calcio d’inizio a Trezzo! Piacenza in divisa bianca da trasferta; locali in completo nero. Ascolta il match su Radio Sound!

3′- Prova subito ad attaccare il Piacenza con un tiro dalla distanza di D’Agostino.

4′- Calcio di rigore per la Tritium! Fallo di Artioli su Caraffa. Scietti non sbaglia dal dischetto: spiazza Moro e porta in vantaggio i locali.

8′- Ndiaye si divora il 2-0! Contropiede dei locali, l’attaccante africano si ritrova solo davanti a Moro e fallisce da due passi.
11′- Piacenza in netta difficoltà! Somma si perde la marcatura di Caraffa che colpisce di testa e colpisce il palo.

13′- Silva sbaglia clamorosamente il passaggio e è costretto a fare fallo su Caraffa. Punizione per la Tritium da posizione molto invitante: Maspero calcia perfettamente e fa 2-0. Piacenza horror in questi primo quarto d’ora.

16′- Piacenza inizia a uscire: i biancorossi provano ad accorciare con il solito D’Agostino che prova il cross dalla sinistra, Marquez colpisce di testa, palla fuori di poco.
21′- I biancorossi provano a cambiare l’inerzia del match, ma la difesa della Tritium lavora perfettamente e crea ripartenze pericolose a ogni palla recuperata.
25′- Ritmi abbassati rispetto alla prima parte del match: Trutium che cerca di gestire il risultato; biancorossi che provano disperatamente ad accorciare le distanze.

30′- Kernezo fa 2-1 e accorcia! Assist perfetto di Facundo Marquez a servire il 77 che spiazza Bassani e riaccende le speranze per i piacentini.

37′- I biancorossi sfiorano il pareggio! Marquez sfrutta un errore difensivo, calcia un rigore in movimento, ma Bassani riesce a intuire.
38′- Primo cambio della partita nelle file della Tritium. Merulli subentra a Caraffa.
43′- Piacenza ancora in avanti: traversone di D’Agostino, Marquez prova, tiro deviato.

45′- Finisce qui un primo tempo a dir poco folle! Biancorossi sotto 0-2 in soli 15′, hanno provato a rimediare accorciando le distanze nel finale. Piacenza che ha ancora 45′ per rimettere a posto le cose.

Secondo tempo

45′- Inizia il secondo tempo, cambio nelle file del Piacenza: entra Recino al posto di Marquez.

46′- Biancorossi partiti forte in questa seconda frazione di gioco, Recino prova da fuori.
51′- Fallo ai danni del numero 9, che è entrato molto bene in partita: punizione dai 20 metri per i biancorossi. Corradi sul punto di battuta, calcia sul secondo palo e Bassani effettua una super parata. Palla in calcio d’angolo.
55′- D’Agostino riceve da Iob, salta un difensore, poi fallisce da due passi. Occasione Piacenza, che ora è un’altra squadra rispetto al primo tempo.
59′- Recino stampa sul palo dopo un lancio di Artioli, poi Bassanini calcia alto da pochi metri. Piacenza in completo controllo, Tritium in difficoltà.
69′- Assedio Piacenza che attacca disperatamente, ma senza successo, complice anche un po’ di sfortuna.
81′- Zini sfiora il pareggio dall’out di sinistra con un tiro a giro. Ora è dura per il Piacenza.
85′- Altro miracolo di Bassani! Su un colpo di testa a botta sicura di Silva si tuffa e con le dita riesce a mettere in calcio d’angolo.

89′- Ndiaye chiude i conti! Ruscone salta due difensori, serve Ndiaye che si invola in solitaria verso la porta i 3 punti ai biancoazzurri.

90′- Assegnati 4′ di recupero.

90+4′- Finisce qui, prima sconfitta di Rossini sulla panchina dei biancorossi, che ora si allontanano dalla vetta.

Le formazioni ufficiali

Piacenza (4-4-2): Moro; Iob, Silva, Somma, Artioli, Kernezo, Tourè, Corradi, Bassanini, D’Agostino, Marquez. All Rossini.

Tritium (4-3-3): Bassani; Rusconi, Milesini, Bosia, Scietti, Caraffa, Meneses, Savino, Selmi, Ndiaye, Maspero. All De Paola.

Il prepartita

Radio Sound
blank blank