Caro bollette, Laura Chiappa di Legambiente: “Sempre più piacentini puntano sulle energie rinnovabili” – AUDIO

Scacco matto alle rinnovabili
Piacenza 24 WhatsApp

Caro bollette, Laura Chiappa di Legambiente: “Sempre più piacentini puntano alla transizione verso le energie rinnovabili”. La Presidentessa del circolo piacentino ne ha parlato a Radio Sound.

Anche l’ultimo aggiornamento dell’Osservatorio sistemi di accumulo” di Anie Federazione indica una crescita in Italia in tema di rinnovabili. Gli ultimi dati dicono che dall’inizio del 2021 si è registrata una crescita trimestrale costante delle installazioni, in media aumentate nel 2022 di circa 7.000 unità rispetto al trimestre precedente.

Sono sempre di più i piacentini e gli italianicommenta Laura Chiappache trovano urgente accelerare la transizione verso le energie rinnovabili. In particolare perché abbiamo ben chiara qual è la situazione attuale, infatti il 64% degli italiani si dice molto preoccupato per la crisi energetica. Effettivamente l’impatto sulle spese quotidiane, le bollette di gas e luce, ma anche la crisi economica generale che stiamo passando, sta creando una situazione difficile. Comunque nello stesso tempo una risposta c’è, cioè quella della transizione verso le energie rinnovabili. Infatti sono un potentissimo alleato, non solo contro la dipendenza dalle fonti fossili, ma anche per fare in modo che i cittadini abbiano una sicurezza energetica. 

Qual è la strada?

E’ arrivare ad avere più rinnovabili possibili a livello nazionale e locale. In particolare per quanto riguarda Piacenza bisogna puntare sulle rinnovabili da fotovoltaico. La strada è possibile in diversi modi. Ci sono le comunità energetiche, gli impianti singoli per i privati, il fotovoltaico collettivo per i condomini e le comunità solari. Questi sono alcuni temi che affronteremo nelle serate del 18 gennaio e del 2 febbraio intitolate “Energie rinnovabili, quale futuro prossimo?”

Dobbiamo diventare produttori di energia?

Sì, ognuno di noi può diventare produttore di energia installando il fotovoltaico sul proprio tetto. Ad esempio sopra i capannoni della logistica dovrebbero esserci grandi impianti. Chi invece non ha le possibilità può rivolgersi alle comunità energetiche rinnovabili o le comunità solari. Si può diventare parte di un gruppo che auto produce e auto consuma l’energia prodotta. Questa è la grande rivoluzione delle rinnovabili. 

Radio Sound
blank blank