H&M conferma la chiusura in via XX Settembre, Pascai (Cgil): “La ricollocazione dei dipendenti non è la risposta, gli stipendi saranno ridotti fino al 40%” – AUDIO

“E’ stata confermata la chiusura del punto vendita di via XX Settembre per motivi di sostenibilità economica intorno alla metà del mese di ottobre  – spiegano i dirigenti Filcams Cgil in una nota – e se da un lato si sono impegnati a proporre una collocazione alternativa a tutti i dipendenti nei punti vendita di Parma, Cremona e Fidenza, di certo – spiega Filcams – così facendo la “sostenibilità” viene meno per le lavoratrici e i lavoratori, infatti l’azienda si è resa totalmente indisponibile a pagare i costi in più che dovranno sostenere le persone per raggiungere i nuovi luoghi di lavoro, e in un contesto in cui i prezzi per i trasporti sono in aumento significa riduzioni dello stipendio di queste persone dal 20 al 40%. 

blank

Aumentano a dismisura – spiega Filcams – i tempi di percorrenza e i costi a carico di chi deve lavorare per vivere, con evidenti impatti molto negativi sulla vita delle famiglie, tenendo conto che stiamo parlando di persone con carichi famigliari anche importanti. Restano quindi aperte posizioni individuali da chiarire, per questo ribadiamo alle lavoratrici e ai lavoratori che siamo completamente a loro disposizione per trovare soluzioni sostenibili per loro, prima ancora che per la multinazionale svedese. Siamo di fronte a una chiusura traumatica, in una fase di incertezza che lascerà una ferita in centro storico e di cui anche le istituzioni si devono occupare. Auspichiamo – conclude Filcams – che in futuro ci siano insediamenti capaci di creare buona occupazione e con prospettive di lungo termine, altrimenti a farne le spese saranno maggiormente le donne, madri, soggetti che a Piacenza rappresentano l’anello debole del mercato del lavoro. E questo è un problema che riguarda tutte e tutti, anche le istituzioni”.

Crisi H&M a Piacenza, incontro tra sindacati e azienda questa mattina, 29 agosto 2022, tra i dirigenti di Filcams Cgil Piacenza, Marco Pascai e Gerta Maksuti, e Marco Segatori di H&M.

“E’ stata confermata la chiusura del punto vendita di via XX Settembre per motivi di sostenibilità economica intorno alla metà del mese di ottobre  – spiegano i dirigenti Filcams Cgil in una nota – e se da un lato si sono impegnati a proporre una collocazione alternativa a tutti i dipendenti nei punti vendita di Parma, Cremona e Fidenza, di certo – spiega Filcams – così facendo la “sostenibilità” viene meno per le lavoratrici e i lavoratori, infatti l’azienda si è resa totalmente indisponibile a pagare i costi in più che dovranno sostenere le persone per raggiungere i nuovi luoghi di lavoro, e in un contesto in cui i prezzi per i trasporti sono in aumento significa riduzioni dello stipendio di queste persone dal 20 al 40%. Aumentano a dismisura – spiega Filcams – i tempi di percorrenza e i costi a carico di chi deve lavorare per vivere, con evidenti impatti molto negativi sulla vita delle famiglie, tenendo conto che stiamo parlando di persone con carichi famigliari anche importanti. Restano quindi aperte posizioni individuali da chiarire, per questo ribadiamo alle lavoratrici e ai lavoratori che siamo completamente a loro disposizione per trovare soluzioni sostenibili per loro, prima ancora che per la multinazionale svedese. Siamo di fronte a una chiusura traumatica, in una fase di incertezza che lascerà una ferita in centro storico e di cui anche le istituzioni si devono occupare. Auspichiamo – conclude Filcams – che in futuro ci siano insediamenti capaci di creare buona occupazione e con prospettive di lungo termine, altrimenti a farne le spese saranno maggiormente le donne, madri, soggetti che a Piacenza rappresentano l’anello debole del mercato del lavoro. E questo è un problema che riguarda tutte e tutti, anche le istituzioni”.

blank

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank