Dal 15 giugno punti di primo intervento a Fiorenzuola e Castelsangiovanni. Ancora 22 ricoveri in terapia intensiva per Covid

Radio Sound
Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza
blank blank blank
blank

Entro il 15 giugno l’Ausl di Piacenza attiverà due punti di primo intervento rispettivamente a Castel San Giovanni e Fiorenzuola. I pronto soccorso torneranno attivi al massimo dal 15 settembre anche se l’intenzione è quella di ripartire prima.

E’ quanto emerge dalla Conferenza Sociosanitaria che si è tenuta questa mattina a palazzo Garibaldi, sede della Provincia. Il direttore dell’Ausl, Luca Baldino, ha incontrato in videoconferenza i sindaci della provincia piacentina.

Un’occasione anche per tracciare il punto della situazione dell’emergenza sanitaria. Emergenza che è ancora in atto come spiega Baldino. I contagi non sono spariti, abbiamo ancora 4 o 5 nuovi casi ogni giorno e al momento ci sono ancora 200 persone ricoverate per Covid, 22 delle quali in Terapia intensiva.

blank

Certo, nulla a che vedere con i numeri di inizio pandemia: oggi gli accessi per Covid-19 all’ospedale di Piacenza sono 2 o 3 al giorno, nel periodo del picco si sono raggiunti i 134 ricoveri in un giorno.

In seguito una buona notizia. Nel corso dell’emergenza sanitaria l’Ausl di Piacenza ha accolto tra le proprie fila circa 300 operatori sanitari in più rispetto al normale. Questi rinforzi resteranno fino alla fine del 2020 con la possibilità che la Regione proroghi queste assunzioni.