Mensa Caritas, pattuglie in sosta negli orari di distribuzione dei pasti: il primo passo per ripartire

blank
Piacenza 24 WhatsApp

Questa mattina si è riunito, presieduto dal Prefetto Paolo Ponta, il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per definire il piano coordinato dei controlli in occasione dell’imminenti festività pasquali, nonché per l’individuazione di idonee misure a tutela della mensa gestita dalla Caritas Diocesana la cui attività, a causa di liti tra alcuni ospiti degenerate in episodi di violenza, è limitata negli ultimi giorni al solo asporto dei pasti.

Alla riunione hanno partecipato il Sindaco del Comune Capoluogo, l’Assessore alle politiche per l’infanzia, la solidarietà, l’abitazione e l’inclusione sociale, il Direttore della Caritas Diocesana, i vertici della Questura, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

Intervento per la mensa della Caritas

Con riferimento alla zona dove è ubicata la mensa della Caritas Diocesana il comitato ha concordato controlli congiunti da parte delle Forze dell’Ordine e della Polizia Locale con soste delle pattuglie negli orari di ingresso e distribuzione dei pasti. Al contempo la Caritas Diocesana, supportata dal Comune di Piacenza, individuerà delle soluzioni organizzative al fine di ritornare all’ordinaria erogazione del servizio, anche mediante l’eventuale ricorso a forme di sicurezza interna sussidiaria (servizi di portierato e guardie giurate) e un più stretto rapporto con le Forze di Polizia al fine di isolare singoli individui violenti.

Festività pasquali

Rispetto alle prossime festività pasquali i servizi di controllo messi in campo, cui partecipano anche i n. 15 militari dell’Operazione Strade Sicure, saranno orientati, anche a seguito del recente attentato terroristico di Mosca, all’innalzamento al massimo livello delle misure di vigilanza e sicurezza a protezione di tutti gli obiettivi istituzionali, militari, economici-commerciali, turistici, culturali e/o ricreativi, con particolare attenzione alle aree ed ai luoghi connotati da significativo afflusso di persone

Cerimonie religiose

Inoltre, in coincidenza dello svolgimento delle tradizionali cerimonie religiose, verranno rafforzate le misure di vigilanza nei diversi luoghi di culto nei quali è prevedibile che si registri un’affluenza significativa di fedeli.

Potenziati altresì i servizi di controllo presso la stazione ferroviaria e sulle arterie principali stradali per la prevenzione e il contrasto alle condotte di guida a rischio.

LA NOTA DEL COMUNE DI PIACENZA

Riaprire la mensa della Caritas diocesana a partire dal pranzo di questo sabato su due turni, 11,30 e 12,30, per poi – dalla domenica di Pasqua in avanti – tornare all’apertura regolare di un servizio indispensabile per i più bisognosi, che al momento sarà limitato solo al pranzo e con l’eventuale presenza di addetti alla vigilanza che garantiscano la sicurezza di ospiti e volontari.

E’ l’intenzione condivisa questa mattina in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito, come ogni settimana, presso il Palazzo del Governo di via San Giovanni alla presenza del prefetto Paolo Ponta, dei vertici di Questura, Carabinieri e Guardia di Finanza, della sindaca Katia Tarasconi e, in occasione del particolare ordine del giorno, dell’assessora comunale al Welfare Nicoletta Corvi e del direttore della Caritas diocesana Mario Idda.

L’ordine del giorno, infatti, prevedeva, tra i vari punti, di affrontare anche il delicato tema della sicurezza all’interno della Mensa della Fraternità di via San Vincenzo alla luce di alcuni episodi che hanno visto protagonisti ospiti particolarmente agitati e violenti. Episodi che nei giorni scorsi hanno spinto il direttore della Caritas a sospendere il servizio mensa, poi parzialmente riattivato ieri, 26 marzo, con la distribuzione di borse viveri presso il centro Il Samaritano di via Giordani; distribuzione che si è svolta anche nella giornata di oggi a pranzo con l’ausilio della Polizia locale e lo stesso avverrà anche domani.

Decisione difficile, quella di chiudere la mensa per i più poveri, ma “motivata dalla difficoltà di garantire l’incolumità sia degli ospiti sia dei volontari che ogni giorno si rendono disponibili per i bisognosi”. Così ha spiegato il direttore Idda che, fin da subito, aveva chiesto un confronto con le istituzioni per gestire una situazione divenuta particolarmente complessa.

“Abbiamo raccolto immediatamente la segnalazione di Caritas – spiega la sindaca Tarasconi – e, oltre a un doveroso appello al senso di responsabilità e di civiltà rivolto a tutti, ci siamo subito attivati per capire come poter fare la nostra parte in collaborazione con le istituzioni del territorio”.

“Il problema di persone violente – aggiunge l’assessora Corvi – magari sotto l’effetto di alcol o stupefacenti, è un problema vasto e complesso. E il Comune, anche quando si tratta di persone in carico ai Servizi sociali, non ha l’autorità per poterne limitare la circolazione. Ciò che potevamo fare in questa fase era mettere a disposizione la Polizia locale per presidiare il servizio di distribuzione di borse viveri, che è assolutamente indispensabile per far fronte alle esigenze di chi ha realmente bisogno, ed è ciò che abbiamo fatto”.

Una soluzione “tampone” che ha garantito il pranzo in questi giorni ma che non può che essere provvisoria. La riunione odierna del Cosp ha consentito di affrontare il tema alla presenza di tutte le istituzioni coordinate dal Prefetto e ha portato a un piano operativo preciso che prevede anche il coinvolgimento delle forze di polizia. “Come Comune – prosegue la sindaca – abbiamo concordato la piena disponibilità della Polizia locale a operare in sinergia con le forze dell’ordine coordinate dal Questore Ivo Morelli nel mettere in campo controlli congiunti nei pressi della mensa di via San Vincenzo, soprattutto durante gli orari in cui è attivo il servizio mensa. E ciò al fine di individuare e isolare soggetti potenzialmente in grado di creare problemi di sicurezza”.

“Stiamo anche predisponendo un regolamento che verrà affisso all’esterno della mensa – aggiunge il direttore della Caritas Mario Idda – e che di fatto consiste nel chiarire nero su bianco che al servizio non potranno accedere ospiti in condizioni di alterazione, ubriachi o sotto l’effetto di stupefacenti, e che chiunque dovrà rispettare le normali regole di convivenza civile e pacifica. Dovrebbero essere ovvietà ma a quanto pare è purtroppo necessario ribadirle. Ed è altrettanto necessario, visto ciò che è accaduto, che venga attivato un servizio di sicurezza interna aggiuntiva, magari con istituti di vigilanza privata, ed è ciò a cui stiamo lavorando proprio in queste ore anche grazie al supporto della sindaca di Piacenza”.

“Parallelamente – conclude l’assessora Nicoletta Corvi – prosegue il lavoro già in atto da parte dell’equipe promossa dal Comune di Piacenza con Ausl e Caritas al fine di monitorare le situazioni più problematiche, concordare azioni preventive e di supporto ed eventualmente segnalare casi specifici alle forze dell’ordine quando necessario”. 

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank